Parliamo di Design

Come risolvere problemi con la creatività

By 29 Aprile 2022 No Comments
La creatività risolve problemi

L’innovazione non si innesca da sola né si autoalimenta. Sono le persone a promuoverla, attraverso la loro immaginazione, volontà e perseveranza. Le persone creano valore attraverso l’implementazione di nuove idee. A questo tema si lega anche quello della risoluzione dei problemi tramite la creatività.

Creatività è largamente associato all’innovazione ma molto spesso, anche in modo superficiale, è limitato alle discipline strettamente artistiche: in tal senso, la creatività è associata all’immaginazione, alla fantasia, all’intuizione. La creatività è molto di più: è una competenza trasversale di fondamentale importanza per lo sviluppo delle capacità di pensiero e dell’apprendimento. Condizione, quest’ultima peculiare per l’innovazione.

Non ho particolari talenti,
sono soltanto appassionatamente curioso.

Albert Einstein

Essere problem solver con la creatività

La curiosità è al centro del pensiero creativo. Perché?
Il pensiero creativo combinato con il pensiero critico dà a tutti noi la migliore possibilità di diventare dei problem solver (risolutori di super problemi).
E cosa centra la creatività con l’essere problem solver?

Di solito le persone che sono brave a risolvere i problemi utilizzano due abilità: il pensiero critico e il pensiero creativo.

Il primo, il pensiero critico, è più analitico. È la parte del tuo cervello che fa domande e analisi basato su ciò che sa. Pone domande chiare come “cosa”, “perché” e “come”.
La seconda parte, il pensiero creativo, riguarda più il cervello che collega frammenti di informazioni nel tuo cervello in modo nuovo e interessante. Pone domande come “cosa succede se” o “perché no”.

Queste informazioni – per ora le chiameremo punti – sono le cose che abbiamo visto o imparato nel tempo. Pertanto, è ovvio che più punti abbiamo, più è probabile che possiamo creare soluzioni creative.
Come ha affermato Steve Jobs, il fondatore di Apple, non possiamo collegare i punti guardando avanti, possiamo solo collegarli guardando indietro.
Ma, in un certo senso, aveva torto.
Il nostro cervello creativo può collegarli guardando al futuro. Questo è il pensiero creativo.

Ma da dove vengono i punti?
Sono le cose che abbiamo imparato e visto lungo il viaggio della vita. Coloro che hanno più punti, in generale, sono quelli che sono curiosi, quelli che chiedono o si chiedono sempre cose sul mondo che li circonda.
Quindi, sei curioso di costruire la tua banca di punti di informazioni?
Non esiste un modo per ogni corpo, nessuna taglia si adatta a tutti.
Ma ci sono alcune cose che hanno funzionato per molti.

Il contesto umano per risolvere problemi con la creatività

Il cervello veramente curioso cerca sempre più informazioni. Così facendo, stimola la creatività.
Perché la luna sorge e tramonta in luoghi diversi? E in orari diversi ogni notte?
Come viene visualizzato il testo sullo schermo di un computer?

Quando si tratta di chiedere, chiedi alle persone, non a Google. È un ottimo modo per capire davvero cosa stai imparando.
Certo, puoi cercare qualsiasi cosa online. Ma davvero, quanto ricorderai?

Se puoi parlare con qualcuno che sa cosa stai cercando e te lo spiega, è molto più probabile che ricordi ciò che hai imparato, e molto più probabilità di stabilire connessioni ad altre cose che sai.
È il contesto umano di questo apprendimento che aiuta davvero.

(Altre) 3 cose che accadono quando sei curioso/a

Abbiamo visto perché la curiosità è importante anche per risolvere problemi con la creatività. Ora diamo un’occhiata ad altri potenziali benefici della curiosità.

La mente rimane sempre attiva

Innanzitutto, è un ottimo modo per mantenere attiva la mente piuttosto che passiva. Hai mai notato che le persone curiose sono sempre quelle che fanno domande e cercano risposte?
Le loro menti sono sempre attive.
Dal momento che la mente è come un muscolo che diventa più forte attraverso l’esercizio continuo, l’esercizio mentale causato dalla curiosità rende la tua mente sempre più forte.

Sai cogliere le idee quando passano

In secondo luogo, ti apre a nuove idee ed espande i tuoi orizzonti mentali.
Quando sei curioso di qualcosa, la tua mente si aspetta e anticipa nuove idee ad esso correlate. Quando le idee iniziano a fluire, il cervello le riconosceranno per quello che loro sono: opportunità per nuovi pensieri e nuovi modi di guardare le cose.
Senza curiosità, le idee possono passare proprio davanti a te e non te ne accorgerai perché non sei mentalmente pronto a riconoscerle.
Ti chiederai ora… quante idee fantastiche ho perso perché non sono stato curioso?

Hai più capacità di approfondimento

Terzo, può rendere la vita, beh, anche più interessante ed eccitante.
Se sei continuamente curioso del mondo che ti circonda, la noia non impenna mai la sua brutta testa. C’è sempre qualcosa a cui pensare, qualcosa da esaminare più a fondo. La noia, o la mancanza di interesse, è davvero un sintomo della tua mancanza di curiosità anche nei più piccoli dettagli dei tuoi immediati dintorni.

In sintesi: il pensiero creativo per risolvere problemi

Ora, torniamo a quella citazione di Einstein.
Se uno dei grandi pensatori può dire che il suo unico vero talento è la curiosità, perché non provarlo e renderlo una parte consapevole della tua vita?

La curiosità aumenta il pensiero creativo, che a sua volta funziona con il pensiero critico per condurre a una migliore soluzione dei problemi.
La curiosità mantiene la mente attiva, agile e capace di notare cose utili. Stimola la creatività per risolvere problemi.
Einstein una volta disse: «Non ho un talento speciale. Sono solo appassionatamente curioso.»

Questo è l’ottavo di 12 articoli sui 12 benefici del design thinking per aziende ed enti. Leggi gli altri focus.