Parliamo di Design

4 modi con cui il design thinking migliora i processi aziendali

By 31 Gennaio 2022 Marzo 28th, 2022 One Comment
Il design thinking migliora i processi aziendali

Applicare il Design Thinking aiuta a semplificare l’individuazione e la correzione delle disfunzionalità interne, sia di tipo organizzativo che sotto l’aspetto dei processi. Questo modello, inoltre, può essere applicato anche per migliorare la relazione delle imprese con partner, fornitori e clienti.

Il Design Thinking riduce i costi e ottimizza i processi aziendali

Adottare questo strumento di co-progettazione significa scegliere un approccio strategico che mette la diversità, la collaborazione e il confronto tra le persone al centro del processo di elaborazione di soluzioni innovative. Il design thinking diviene quindi risposta ai problemi che hanno tutti i giorni le aziende. Migliora tutti i processi aziendali. Uno dei punti di forza di questo metodo è il coinvolgimento di persone con competenze diverse, creando così gruppi di lavoro multidisciplinari per facilitare una collaborazione che rompe i rispettivi campi di competenza e si apre alle contaminazioni.

Questo facilita l’individuazione di nuove opportunità, facendo leva sulla conoscenza collettiva, e in fase di prototipazione consente di confermare o smentire velocemente la fattibilità di un’idea.

L’approccio del design thinking, quindi, diventa anche un modo per rendere sempre più efficiente l’intero sistema fabbrica, grazie all’adozione di soluzioni creative e partecipative che danno punti di vista nuovi sulla gestione della produzione.

Il Design Thinking migliora i processi aziendali grazie alla creatività umana

L’uomo e la sua creatività assumono un ruolo sempre più centrale nei processi aziendali per dare un impulso reale al cambiamento e alla vera innovazione. È un processo che scaturisce direttamente dalle persone per le persone, che parte dell’esperienza diretta di coloro che lavorano ogni giorno in azienda. L’obiettivo è trovare soluzioni con cui fronteggiare problemi quotidiani, spesso molto complessi da gestire. Si arriva fino al cliente, che ne riconosce il valore aggiunto sui prodotti e i servizi dell’azienda.

Ogni realtà è composta innanzitutto da persone, ognuna a suo modo diversa è depositaria di saperi, esperienze e schemi mentali unici e differenti tra loro: le diversità diventano un enorme valore, capace di generare vantaggio competitivo. E di migliorare i processi aziendali.

Il Design Thinking fa pensare fuori dagli schemi per generare soluzioni innovative

È bene notare, tuttavia, che il design thinking è una mentalità che può essere applicata a quasi tutti gli scenari in cui è richiesta innovazione o pensare fuori dagli schemi. Può essere combinato con altre metodologie, strategie aziendali, modelli di innovazione sociale e pratiche di gestione. Ti offre così una panoramica olistica della sfida che devi affrontare. Il processo di design thinking cambia a seconda del contesto e può incorporare strumenti e tecniche di altre discipline.

Con il design thinking, questo è esattamente ciò che fai: pensare fuori dagli schemi per generare soluzioni innovative.

Il Design Thinking è necessario per la trasformazione organizzativa

Il Design Thinking coinvolge le persone in un processo di cambiamento diffuso.

Design Thinking crea prodotti partendo da ciò che è significativo per i clienti. Crea una trasformazione organizzativa partendo da ciò che è significativo per le persone della tua organizzazione. Le impegna a creare innovazione invece di adottarla, a collaborare, a coltivare la loro dipendenza creativa, a portare il loro lavoro più vicino allo scopo della loro vita.
L’assunto qui è che se le persone apprezzano qualcosa, allora gli affari seguiranno la loro crescita naturalmente. Design Thinking, qualsiasi sfumatura tu consideri, ha sempre questa prospettiva: “fare affari” partendo da ciò che è significativo per le persone.

Il Design Thinking ha le sue radici in una comprensione fondamentale: se qualcosa è significativo per le persone che lo ricevono e per le persone che lo creano, in che modo il valore del business può beneficiarne? Quindi, in un certo senso, il Design Thinking inizia semplicemente da un cambiamento di prospettiva. Ma questo cambiamento di prospettiva porta con sé un’interruzione in termini di mentalità, processi e strumenti.

In conclusione: come migliorare i processi aziendali

Design thinking non significa solo concentrarsi sulla creazione di prodotti e servizi che pongono l’essere umano al centro, ma anche ragionare sul processo stesso che ne è alla base, ed automatizzarlo dove le specificità umane non sono essenziali. Migliorare i processi aziendali significa proprio questo.

Un esempio di grande attualità? Lo studio di un sistema di automazione, che risponda a una reale necessità, deve essere in grado di soddisfare il consumatore finale. Deve anche agevolare gli operatori coinvolti a diversi livelli nel processo: ciò significa applicare davvero il design thinking nel lavoro di tutti i giorni, nell’ottica di un’industria 4.0.

Scopri come abbiamo applicato il design thinking per strutturare una solida strategia aziendale.